.
Annunci online

  uomosenzaqualita [ uno spartiacque tra il mondo scientifico e quello letterario ]
         






ASSOCIAZIONE STUDENTESCA:







LISTA CIVICA:






HEY!!! IO ESISTO! O FORSE NO?







TUTTI A SCUOLA!!!







CERCASI CONTRAPPESO PER EQUILIBRARE LA MIA VITA (SPERANDO NON SIA UN'UTOPIA)






IL VERO DOSTOEVSKIJ AL CINEMA!






LA MIA ATTRICE PREFERITA: JULIETTE BINOCHE





A MANO A MANO ... TIME (KIM KI DUK)



IO CHE VADO A LEZIONE




IO IN SESSIONE D'ESAME






24 ottobre 2008

QUADRI PARIGINI: MUSEO D'ORSAY

Nel mio lungo peregrinare, avanti e indietro, lungo i corridoi e le numerose stanze dei diversi musei di Parigi che ho potuto ammirare quest'estate, alcune opere d'arte figurativa mi hanno particolarmente impressionato (dire "colpito" sarebbe riduttivo).
Ne presento alcune qui di seguito, tanto per farvi vedere qualche buon quadro e con la speranza che la grandezza di queste opere possa scalfire la vostra più o meno pronunciata sensibilità artistica.

Con il presente post, iniziamo dal museo D'Orsay, "quello degli Impressionisti" per capirsi.






L'Olimpia di Manet è senza dubbio una delle opere più notevoli dell'intera mostra. L'aspetto più interessante è forse il fatto che la nostra Olimpia è ritratta con una schiava di colore; ora, è risaputo che in quel periodo le schiave di colore "appartenevano" solo alle prostitute.
Quello che ha creato il maggior scalpore è il fatto che Olimpia non sia una prostituta comune, ma sia ancora una ragazzina giovane, nonostante ostenti uno sguardo fiero e sicuro di sè (sguardo esperto, per i più maliziosi). Simpatico il gatto nero raffigurato a lato, sulla destra.





Un'altro quadro di Manet! Colazione sull'erba.
Chi sono secondo voi quei due baldi uomini vestiti da studenti? Beh, studenti ... (anche se non dell'unipd credo). La donna nuda è con ogni probabilità una prostituta; Non credo servano commenti ulteriori per capire la causa delle discussioni insorte con la venuta al mondo di quest'opera.

Ultimo quadro, più allegro e colorato e rappresentante un paesaggio questa volta naturale e non carnale.





Non credo sia necessario riportare questa precisazione, comunque questo stupendo quadro è "I Papaveri" di Monet.




17 ottobre 2008

LO SGUARDO DI VAN GOGH

Non so voi, ma guardare negli occhi l'autoritratto del Nostro per almeno un minuto è un esperienza che mi turba. Da profano oserei dire che si riesce a vedere attraverso i suoi occhi (che tra l'altro sono difficili da fissare contemporaneamente) una concreta manifestazione di follia.



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. arte van gogh autoritratto sguardo follia

permalink | inviato da Spara_Jurij il 17/10/2008 alle 12:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


sfoglia           
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom