.
Annunci online

  uomosenzaqualita [ uno spartiacque tra il mondo scientifico e quello letterario ]
         






ASSOCIAZIONE STUDENTESCA:







LISTA CIVICA:






HEY!!! IO ESISTO! O FORSE NO?







TUTTI A SCUOLA!!!







CERCASI CONTRAPPESO PER EQUILIBRARE LA MIA VITA (SPERANDO NON SIA UN'UTOPIA)






IL VERO DOSTOEVSKIJ AL CINEMA!






LA MIA ATTRICE PREFERITA: JULIETTE BINOCHE





A MANO A MANO ... TIME (KIM KI DUK)



IO CHE VADO A LEZIONE




IO IN SESSIONE D'ESAME






14 gennaio 2009

CITAZIONE DI GENNAIO

Questo mese per la citazione ho scelto una simpatica storia tratta dalle "101 storie Zen". Ne è anche stata tratta un'indignitosa nonché inopportuna barzelletta.
Quello che apprezzo in questo breve racconto, scritto circa un migliaio di anni fa, è proprio la semplicità con cui viene espresso il "concetto di fraintendimento" e l'umiltà di una vera e propria autocritica. Ogni volta che lo rileggo mi fa riflettere su quante mie parole, gesti e azioni (opere e omissioni) vengono fraintese dalle persone che mi stanno intorno e con cui ho rapporti umani di varia natura. Buona lettura!!!

Dialogo commerciale per avere alloggio

Qualunque monaco girovago può fermarsi in un tempio Zen, a patto che sostenga coi preti del posto una discussione sul Buddhismo e ne esca vittorioso. Se invece perde, deve andarsene via. In un tempio nelle regioni settentrionali del Giappone vivevano due confratelli monaci. Il più anziano era istruito, ma il più giovane era sciocco e aveva un occhio solo. Arrivò un monaco girovago e chiese alloggio., invitandoli secondo la norma a un dibattito sulla sublime dottrina. Il fratello anziano, che quel giorno era affaticato dal molto studio, disse al più giovane di sostituirlo. < Vai tu e chiedigli il dialogo muto > lo ammonì. Così il monaco giovane e il forestiero andarono a sedersi nel tempio.
Poco dopo il viaggiatore venne a cercare il fratello più anziano e gli disse: < il tuo giovane fratello è un tipo straordinario. Mi ha battuto >. < Riferiscimi il vostro dialogo > disse il più anziano. < Bé, > spiegò il viaggiatore < per prima cosa io ho alzato un dito, che rappresentava Buddha, l’Illuminato. E lui ha alzato due dita, per dire Buddha e il suo insegnamento. Io ho alzato tre dita per dire Buddha, il suo insegnamento e i suoi seguaci, che vivono la vita armoniosa. Allora lui mi ha scosso il pugno chiuso davanti alla faccia, per mostrarmi che tutti e tre derivano dalla stessa realizzazione. Sicché ha vinto e io non ho nessun diritto di fermarmi >. E detto questo, il girovago se ne andò. < Dov’è quel tale? > domandò il più giovane, correndo dal fratello più anziano. < Ho saputo che hai vinto il dibattito >. < Io non ho vinto un bel niente. Voglio picchiare quell’individuo >. < Raccontami la vostra discussione > lo pregò il più anziano. < Accidenti, appena mi ha visto lui ha alzato un dito, insultandomi con l’allusione che ho un occhio solo. Dal momento che era un forestiero, ho pensato che dovevo essere cortese con lui e ho alzato due dita, congratulandomi che avesse due occhi. Poi quel miserabile villano ha alzato tre dita per dire che tra tutti e due avevamo soltanto tre occhi. Allora ho perso la tramontana e sono balzato in piedi per dargli un pugno, ma lui è scappato via e così è finita >.  


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. citazioni 101 storie Zen

permalink | inviato da Spara_Jurij il 14/1/2009 alle 23:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


sfoglia     dicembre        febbraio
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom